Archivio

Archivio per la categoria ‘poiana metropolitana’

[Pausa Pranzo] consoliamoci in questo nido scaldato già da un sole paziente.

3 Giugno 2008 Nessun commento

Cercando di te in un vecchio caffè

ho visto uno specchio e dentro ho visto il mare

e dentro al mare una piccola barca per me.

Per farmi arrivare a un altro caffè con dentro uno specchio

che dentro si vede il mare e dentro al mare una piccola barca pronta per me.

Ai che rebus, ah che rebus

piazzaconsolata  Prosegui la lettura…

Categorie:poiana metropolitana Tag:

[Pausa Pranzo] Tabacco (per Bacco e Venere si accettano suggerimenti)

22 Maggio 2008 Nessun commento

cieloggi  

"Guardavo le sue mani che si intrecciavano
tra i ricami di una tovaglia
riuscivo a stento a trattenere la voglia
di afferrarle di aggredire il suo dolore
misto all’incenso il sapore di un pasto frugale
i ricordi storditi dal tempo"

Ci tuffiamo in una PP all’insegna dell’archeologia industriale cittadina, guidati dalla solita curiosità spicciola e dai ricordi dei racconti di mia nonna, ai quali mi pento ogni giorno di più di non aver dato infinita importanza e maniacale attenzione. Lei una vita all’Aeronautica (“ho ricevuto la notizia via radio fra i primi, nessuno voleva crederci”), sua sorella una vita alla Manifattura Tabacchi.

Iniziamo con un giro lungo il perimetro esterno: partendo da corso Regio Parco, ci intrufoliamo in qualche cortiletto e notiamo segni di vita stanziale umana e felina, con la presenza di qualche orticello dove il mio compagno di merende nota aneto e erba cipollina. Niente maria, ma ci starebbe bene.

Dietro la fabbrica scopriamo il vivaio comunale con vista Superga, molto curato ma per fortuna anche molto chiuso, che ho visto gli occhi del Condor illuminarsi e io proprio non subisco il fascino dei vegetali.

Ci dirigiamo verso l’ingresso della fabbrica e, con nostra grande sorpresa, troviamo il portone aperto: qualcuno ci sta lavorando e non fa proprio caso a noi due.

Nel cortile salta subito all’occhio un monumento sobrio e significativo in ricordo degli operai morti in guerra , da qui si dipanano i binari seguendo i quali passeggiamo curiosando fra gli interni sbirciabili. 

 adhonorem          

Alcuni particolari non possono proprio non attirare l’attenzione.

checazzoè?      defora      cessingabbia 

Mentre ficco il naso qua e là penso alle dita sottili che creavano sigarette, sigari e quant’altro, a quella incredibile pazienza e attenzione ai dettagli che da sempre appartiene alle donne. Non vorrei passare per maschilistasciovinistaeccetera , ma mi viene da chiedermi se siamo più felici ora: incazzate manager e vestite D&G.

Vabbè, lo so lo so le condizioni di lavoro lo sfruttamento e tutto il resto ma è un pensiero estemporaneo.

Girovagando per la rete trovo questo aneddoto trionfale: nel 1945, le tabacchine furono protagoniste di un episodio glorioso, allorchè tagliarono i copertoni dei camion respingendo così le Brigate Nere fasciste. I fascisti avevano occupato la fabbrica per rappresaglia contro una colletta che era stata raccolta a favore dei partigiani.

Grandi grandi grandi tabacchine, mi sa che se facessero ancora le sigarette loro non avrei mai smesso di fumare.

callcenter?

E ora il solito cenno storico palloso, ma si apprezzi che lo metto sempre alla fine:

Dopo la grande paura del 1706, culminata con il lungo assedio delle truppe francesi a Torino, ed il conseguente rischio di veder cancellato dalle carte geografiche lo stato Sabaudo, il sovrano Vittorio Amedeo II procedette al riassetto urbanistico della Capitale ed al rafforzamento delle strutture statali. Nell’ambito di questo programma si inserisce la volontà di riunire in un unico luogo, facilmente controllabile, la lavorazione e la produzione di alcuni generi di monopolio. In un primo tempo si optò per altri luoghi, ma in conseguenza al crescente aumento del consumo di tabacco Carlo Emanuele III nel 1758 assegnò all’architetto Benedetto Ferrogio la progettazione di un nuovo complesso industriale, con annesse piantagioni e semenzaio. Il progetto della Regia Fabbrica del Tabacco si ispirava alle imponenti manifatture reali francesi. Il sito prescelto dal re era quello occupato in precedenza dall’antica residenza di caccia del Viboccone che in quel periodo era in stato di abbandono per i danni subiti nel 1706. I lavori presero avvio alla fine del 1758 e al principio del ’59 si iniziarono a costruire gli edifici per accogliere la fabbrica delle macine, i laboratori, i magazzini ed anche lo scavo del canale derivante dalla Dora, attualmente chiamato Canale del Regio Parco. L’edificio, ultimato nel 1789, era costituito da fabbricati a lunghe maniche adibiti ad alloggi e laboratori con ampi cortili utilizzati per lo smaltimento dei carri carichi di tabacco. Nel perimetro della fabbrica era situata anche una cartiera che produceva carte valori, usando una stupenda macchina all’inglese nella quale "(…) i cenci, introdotti grezzi da un lato, escono dall’altro lato come carta perfettamente asciugata e liscia" (Bertolotti 1840). Ancora qualche anno dopo era ancora l’unica cartiera di Torino e godeva del privilegio governativo della fabbricazione di carte da gioco, da bollo e filigranata. Verso il 1840 attorno alla fabbrica sorse il borgo; in quel periodo la Manifattura Tabacchi, con 600 operai, era il più grande opificio torinese e, dopo l’unità d’Italia, il secondo per importanza. Nel 1875 contava circa 2.500 tra operai ed impiegati. Tra le operaie dominava la mansione della Sigaraia: figura professionale tipica delle Manifatture fino a quando il sigaro fu uno dei prodotti di maggior consumo. All’inizio del novecento la manifattura era una sorta di comunità; all’interno c’erano l’asilo nido, detto incunabolo, la stazione della Guardia di Finanza, officine, mense, alloggi per i dipendenti, il dopolavoro con teatro, sale giochi e bar. A queste strutture se ne aggiunsero altre: la Scuola materna Umberto I, la Scuola elementare C. Abba e la chiesa San Gaetano da Thiene.
Negli anni sessanta venne dismesso il reparto per il trinciato da pipa, il sigaro e il toscanello, e si mantenne solo il reparto sigarette; scomparve così la figura della sigaraia. La storia della Manifattura Tabacchi di Torino si concluse nel 1996 quando il Monopolio decise la chiusura dello stabilimento, trasferendo gli ultimi 25 addetti.

Curiosità: Tabacchine e Sigaraie. nella metà del XIX secolo la Regia Manifattura del Tabacco produceva vari tipi di sigari e tabacco da fiuto. Come è già stato detto crebbe progressivamente, fino a divenire la più grande fabbrica cittadina, raggiungendo nel 1875, l’organico di 2.528 dipendenti. Si trattava in grandissima maggioranza di donne, denominate genericamente Tabacchine, che avevano nell’operaia addetta alla produzione dei sigari, la Sigaraia, la figura professionale più rappresentativa. Era infatti la Sigaraia colei che produceva completamente a mano il prodotto principale, il sigaro Toscano. All’inizio del XX secolo l’importanza del sigaro era destinata lentamente, ma progressivamente a diminuire, sostituito dalla sigaretta, o come si diceva allora Spagnoletta.

  

 

Categorie:poiana metropolitana Tag:

[Pausa Pranzo] Una Marlboro di alibi

28 Aprile 2008 Nessun commento

“il sole incerto becca di sguincio, in questa domenica d’ aprile,
ogni pietra, ogni portone ed ogni altro ammennicolo urbanistico”

 falkera

Prosegui la lettura…

Categorie:poiana metropolitana Tag:

[Pausa Pranzo] monumento agli Invincibili

23 Aprile 2008 2 commenti

Io e il mio compagno di merende abbiamo deciso di istituzionalizzare l’appuntamento: una pausa pranzo ogni settimana sarà dedicata a ficcare il becco in un angolo di Torino, connotato più o meno granatamente. Partiamo da una scelta sua e ci dirigiamo verso il Cimitero Monumentale, nel quale sostiene si trovi il Monumento al Grande Torino. I miei dubbi sorgono dal fatto che la settimana precedente abbiamo vagato fra le lapidi senza trovare nulla tuttavia mi fido e ci riprovo, anche perchè lo vedo aggirarsi in ufficio con una cartina degli ampliamenti del cimitero piuttosto dettagliata.

Lo troviamo subito presso la VIII Ampliazione, campi 6/7 e ci si pone davanti un’opera di grande impatto emotivo, nonostante si nutra di un’essenzialità disarmante. La scultura, di dimensioni notevoli, porta con sè un’immagine molto positiva, quasi come se fosse una porta aperta al Ricordo dei Campioni e del periodo postbellico di grandi speranze. La sciarpa e il pallone sono dettagli forti e caratterizzanti.

Per il resto ci capisco poco, quindi posto il commento di Luciano Cappellari, l’artista che l’ha eseguita.

Riempire il vuoto con i ricordi
Il primo momento di un rituale non è la parola o il gesto, ma l’ingresso in un luogo preciso e delimitato, uno spazio intensamente simbolico dove ogni elemento che lo caratterizza coagula il desiderio di sentirsi partecipe in modo concreto e tangibile, rispondendo alle necessità di senso, di interiorità e di comunione fraterna di ogni singolo. Il monumento al Grande Torino, così come l’ho inteso nel mio progetto, poteva e doveva essere una sottile emozione come quella provata in momenti in cui il tempo sembra sospeso, come se galleggiassimo in un presente assoluto. Un luogo disarmante, che ispira un miscuglio di sgomento e serenità, silenzioso. La forma doveva catturare l’immaginario trascinando lo spettatore in un mondo in cui tutto è sussurrato, suggerito con leggerezza, volutamente non assertivo, ma lentamente partecipativo.
La storia di una squadra , la sua fine tragica, è la storia delle cose che non ci sono più, un racconto ricco di lucidità e nostalgia.
Per la tifoseria una squadra di calcio è la trasposizione fisica di un’idea, un trasferimento di fatica, sudore, prestanza fisica, emotività, sofferenza e gioia, il tutto codificato da regole del rito-gioco officiate nello spazio-contenitore dello stadio. L’idea prendeva forma lentamente, in modo sempre più determinato, il monumento doveva essere la rappresentazione di uno STADIO gremito di tifosi, prima di una partita.
La soluzione scelta è stata di strutturare uno spazio racchiuso da piani inclinati che determinassero una delimitazione prospettica, scenograficamente illimitata e di rivestirne le superfici in modo pittorico e sensibile agli effetti della luce e dell’ombra naturale e stagionale. Un monumento singolarmente “ colorato” con una frammentazione e ricomposizione ceramica (a pezzature grandi, medie, piccole dal basso verso l’alto), di colore rosso-granata, a campiture a finitura lucida o opaca (per i setti verticali) e in pietra di Luserna fiammata e marmo Carrara per il piano inclinato del basamento.
All’interno della frammentazione, non in modo immediato, leggibile in sintonia con la valorizzazione degli affetti, dei sensi, degli istinti il “muto” urlo della tifoseria : “TORO”.
Una simulazione di una PORTA in acciaio inox collocata all’interno dello spazio stadio è la presenza di maggiore significato dell’opera , assume nel contesto il concetto di collegare di mettere in relazione lo spazio , rappresenta il passaggio, l’attraversamento, l’incognita, la speranza, il ricordo. La porta congiunge, mette in comunicazione, la porta è confine, è il limite e nello stesso tempo la sua negazione nell’attraversarlo: il passaggio del pallone determina la vittoria o la sconfitta in una partita di calcio. Un PALLONE in bronzo è appoggiato sul proscenio, nell’angolo dell’area piccola , in primo piano (riproduce il pallone in cuoio usato nelle partite dell’epoca ). La SCIARPA in alluminio colorata in rosso-granata annodata alla traversa della porta , piena di vento , l’oggetto posto più in alto , come un saluto con il cielo da fondale, lascia inespressa la risposta alla domanda.
La particolare collocazione del monumento all’interno del Cimitero Monumentale, in un luogo che permette la vista della Basilica di Superga, evoca e completa il messaggio formale e simbolico. Nello stadio gremito di tifosi, inesauribili stimoli acustici, sventolare di bandiere, tutti pronti per il rito: Il VUOTO dell’attesa , il silenzio , il rifiuto della morte nella dolcezza attonita del ricordo.

P.s. interessandomi al monumento agli Invincibili scopro che al monumentale ci sono molte opere interessanti, che ci riproponiamo di valutare per successive PP, magari in mezzo a giornate meno uggiose.

Ho scoperto anche che è vietatissimo fare foto nei cimiteri, vabbeh ci si poteva arrivare….

Categorie:poiana metropolitana Tag:

pugni chiusi nelle tasche

4 Aprile 2008 6 commenti

gn2

e, come non lo so, mi ritrovo seduta all’inizio di un concerto di GiannaNannini.

Prosegui la lettura…

Categorie:poiana metropolitana Tag: